Avere un soppalco nella propria casa è una fortuna, perché permette di poter disporre di più spazio abitabile sfruttando la parte alta di un ambiente. Solitamente si tratta di una soluzione tipica degli ambienti come loft e open space, e lo si può sfruttare per realizzare diverse cose come:

  • Una stanza per gli ospiti
  • Un angolo studio
  • Un piccolo salotto

Naturalmente non tutti i soppalchi sono uguali; spesso infatti le dimensioni non sono tali da poter ricavare una stanza completa, ma permettono comunque di poter organizzare meglio lo spazio, aggiungendo ad esempio una cabina armadio.

Se non sai ancora come arredare il tuo soppalco, il consiglio principale che mi sento di darti è di valutare bene quanto è grande e come predisporre l’illuminazione. Se hai dubbi, la cosa migliore da fare è consultare un bravo interior designer, che sappia consigliarti le soluzioni migliori per la tua casa.

Per il resto, il bello di uno spazio sopraelevato è che ti permette di realizzare degli ambienti davvero creativi, giocando con i colori e i materiali. Vediamo quindi come arredare un soppalco e un po’ di idee da cui prendere spunto.

L’organizzazione dello spazio

La prima cosa da fare prima di decidere come progettare un soppalco, è prendere le misure. Oltre all’area effettiva dello spazio sopraelevato, è necessario infatti prendere in considerazione l’altezza del soffitto, che generalmente è limitata.

Per questo motivo il suggerimento è di puntare sulla semplicità, optando per mobili bassi e dalle linee pulite, in modo da avere il minimo ingombro. Via libera quindi a librerie basse, letti contenitore e complementi di arredo multifunzione che creino spazio extra per riporre vestiti e oggetti.

Nel caso la metratura del soppalco sia davvero considerevole, ti puoi anche sbizzarrire inserendo una mini parete attrezzata che divida l’ambiente in due. In questo modo potrai ricavare non una, ma ben due stanze aggiuntive per la tua casa. Mica male, vero?

L’illuminazione nel soppalco

Un altro fattore da tenere presente è che di solito questo tipo di ambiente è scarsamente illuminato.

Nei soppalchi di grandi dimensioni può essere presente un lucernario (come quelli che si trovano nelle mansarde), che potrai corredare di una tenda per avere maggiore privacy.

La situazione è però diversa nei soppalchi più piccoli, dove purtroppo i punti luce sono assenti, quindi vanno ricavati artificialmente. L’ideale è optare per un tipo di illuminazione che punti verso il soffitto, in modo da dare l’illusione ottica che questo sia più alto.

Puoi utilizzare lampade da tavolo, appliques e faretti; nel caso tu abbia un soffitto davvero molto basso, un’ulteriore idea è di utilizzare delle strisce LED, pratiche e facili da inserire ovunque.

I colori e i materiali

Per quanto riguarda le tonalità, anche in questo caso la semplicità è d’obbligo. Proprio perché il soppalco è un ambiente poco illuminato, è meglio privilegiare colori chiari sia sui mobili che sulle pareti.

Oltre al classico bianco vanno bene anche tutte le nuance chiare del legno, come il faggio, l’abete bianco o l’acero. Se il soppalco è abbastanza grande, puoi però permetterti una parete di fondo colorata, che andrà a creare un senso dI profondità e darà un tocco originale.

Per il pavimento puoi scegliere tra due materiali:

  • Il tradizionale parquet, in grado di dare calore e comfort all’ambiente
  • Il vetro, scelta più inusuale ma di grande effetto, in grado di ampliare visivamente lo spazio grazie alla trasparenza del materiale (lo si può scegliere anche per la ringhiera perimetrale)

E per salire sul piano rialzato? Anche in questo caso le opzioni sono due: puntare all’essenzialità con una semplice scala a pioli, oppure utilizzare dei mobili contenitori come dei gradini. Nel secondo caso, in commercio puoi trovare tantissimi modelli (con ante a battente, a scomparsa…) anche personalizzabili su misura.

Come arredare un soppalco: idee per ogni stanza

Vediamo infine qualche suggerimento per arredare un soppalco a seconda del tipo di stanza che vuoi realizzare.

Camera da letto

Per creare una stanza da letto soppalcata, dovrai tenere presente innanzitutto che probabilmente non potrai inserire un armadio grande a causa dell’altezza limitata del soffitto. Nel caso, potrai sostituirlo benissimo con una comoda cassettiera bassa e larga, oppure con un letto contenitore.

Staranno benissimo inoltre dei comodini a sospensione, per dare più leggerezza all’insieme, e delle mensole, dove posare libri e oggetti decorativi. Inoltre, trattandosi della zona notte, dovrà comunque risultare isolata dal resto dell’abitazione nonostante lo spazio aperto.

Puoi quindi optare per una ringhiera in un materiale non trasparente, meglio ancora per un muretto di cartongesso. In alternativa puoi montare una tenda al di sopra della ringhiera, in modo che dal piano di sotto la stanza risulti nascosta alla vista.

Salotto

Qui staranno benissimo un divano a due posti, oppure delle poltrone. Se il soppalco però è abbastanza grande, si potrà inserire anche un divano a penisola, che diventerà protagonista dell’ambiente.

Per quanto riguarda la libreria, anche in questo caso occhio all’altezza; se questa non dovesse essere sufficiente, allora sarà perfetto un mobile basso davanti al divano per il televisore.

Studio

Il soppalco è infine la soluzione ideale per ricavare un angolo per studiare e lavorare in tutta tranquillità. Per questo tipo di ambiente è essenziale inserire una scrivania; scegli un modello che abbia molti cassetti, utilissimi per raccoglitori, libri e tutto quello che potrebbe servirti.

Cura infine in modo particolare l’illuminazione del soppalco, che in uno studio è estremamente importante. Se è possibile sfrutta quella naturale, altrimenti inserisci tanti punti luce aggiuntivi dove possono servire.